Pomodori del Piennolo del Vesuvio DOP “Rossi” | 1kg

8,99

Categories: ,

Pomodori provenienza Italia

997 disponibili

conf.

Pomodori del Piennolo del Vesuvio DOP “Rossi” sono tra i prodotti più antichi e tipici dell’agricoltura campana, tanto da essere perfino rappresentato nella scena del tradizionale presepe napoletano. In realtà, in diversi territori della Campania, esistono raggruppamenti di ecotipi con bacche di piccola pezzatura, i cosiddetti “pomodorini”, che si distinguono tra loro per tipicità, rusticità e qualità organolettica. I più famosi da sempre sono però quelli tuttora diffusi sulle pendici del Vesuvio. Il “Pomodoro del Piennolo del Vesuvio DOP” raggruppa vecchie cultivar e biotipi locali accomunati da caratteristiche morfologiche e qualitative più o meno simili, la cui selezione è stata curata nei decenni dagli stessi agricoltori. Le denominazioni di tali ecotipi sono quelle popolari attribuite dagli stessi produttori locali, come “Fiaschella”, “Lampadina”, “Patanara”, “Principe Borghese” e “Re Umberto”, tradizionalmente coltivati da secoli nello stesso territorio di origine.

Zona di Produzione

L’area tipica di produzione e conservazione del pomodoro del piennolo coincide con l’intera estensione del complesso vulcanico del Somma-Vesuvio, includendo le sue pendici degradanti sino quasi al livello del mare. Sono solo 480 ettari, le zone di produzione interessata.

Sapore e Caratteristiche

Il pomodoro del Piennolo del Vesuvio sono caratterizzati da una colorazione rossa molto intensa e brillante. I pomodori del Piennolo pesano circa 30 g, sono tondi e presentano un piccolo allungamento nella parte contrapposta al picciolo. La buccia dei pomodori del Piennolo è soda, compatta e coriacea. Il sapore del pomodoro del Piennolo del Vesuvio è inconfondibile. Il gusto è dolce e intenso, con un retrogusto acidulo dovuto all’alta concentrazione di zuccheri e sali minerali provenienti dal terreno di coltivazione. Si abbina perfettamente alla pasta, ai crostacei e a pietanze leggere che non sovrastano il suo sapore caratteristico.

 

Usi in cucina

Difficilmente consumato crudo, proprio per la sua buccia coriacea, il pomodoro del Piennolo del Vesuvio viene spesso impiegato nella preparazione di primi piatti semplici che ne esaltano il gusto senza contrastarlo. Ottimo saltato in padella con un filo d’olio extravergine di oliva, uno spicchio d’aglio e qualche foglia di basilico. Potrete usarlo anche per realizzare salse a base di pomodoro per accompagnare secondi piatti di pesce, verdure o la pizza semaforo.

 

Paccheri con gamberi e pomodorini del Piennolo

Ingredienti:

320 g di paccheri
15 pomodorini del Piennolo
12 gamberi freschissimi
2 spicchi d’aglio
Mezzo bicchiere di vino bianco
Mezzo limone
Prezzemolo
Olio extravergine di oliva
Sale
Pepe

Lessate i paccheri in abbondante acqua bollente salata. Nel frattempo pulite i gamberi eliminando testa e carapace. Soffriggete l’aglio in padella con un filo d’olio e con le teste dei gamberi. Schiacciate bene le teste per ricavarne tutto il sapore. Sfumate con il vino bianco dopo qualche minuto e lasciate evaporare l’alcol. Unite i pomodorini del Piennolo lavati e tagliati a metà. Regolate di sale e di pepe. Eliminate l’intestino dai gamberi e aggiungeteli al sugo. Fate cuocere per 3 minuti e spegnete il fuoco. Insaporite con succo di limone e la sua scorza grattugiata. Unite anche un trito fine di prezzemolo. Scolate i paccheri e saltateli nel sugo prima di servirli.

Scopri di più su Cestone Shop Online o vedi altre ricette con il Piennolo del Vesuvio DOP.